Centro Assistenza di Register.it

Accorgimenti Tecnici nel mail-marketing

ATTENZIONE: CONSIGLI AVANZATIidea

√ Verifica che l'indirizzo IP che usi per gli invii delle tue newsletter non sia in una blacklist: Una blacklist è un elenco di indirizzi IP segnalati come spammer.
Se il tuo indirizzo è finito in una di queste liste le tue mail saranno filtrate subito come spam ... l'unica soluzione è richiedere la rimozione dalla lista, previa risoluzione del problema sul server (ad esempio, la non corretta configurazione del DNS o un virus presente nel tuo computer).
Per verificare se il tuo indirizzo è in una lista nera puoi utilizzare questo sito: www.mxtoolbox.com
√ Problemi nella consegna delle mail possono influenzare la tua reputazione: Un caso tipico è un server configurato per utilizzare il server DNS sbagliato, o che contiene DNS, SPF, o record DKIM errati.
Il Sender Policy Framework (SPF) è un sistema di validazione progettato per rilevare e-mail spoofing: il record SPF impostato nei DNS del tuo dominio può garantire che le mail provengono da una forte verificata.
Il record SPF non è obbligatorio, ma un messaggio inviato da un server con SPF può contribuire a migliorare la reputazione Guarda la guida per impostare il record SPF su Register.it
√ Alcuni fornitori di servizi Internet (in genere, Google) accettano messaggi con connessione non criptata in transito (TLS), ma tracciano quei messaggi con un'icona rossa lucchetto (o altri oggetti che danno un pessimo aspetto alla mail).
Più in generale, si ricorda che la reputazione non è una costante, ma cambia continuamente.
Se possibile appoggiati ad un ISP (Internet Server Provider) che abbia garanzie crittografiche che mostrino le tue mail in modo professionale.
√ Fai attenzione a non mandare messaggi con ID mancante o errato: Dal momento che l'ID del messaggio include informazioni su da dove proviene il messaggio, se questo è mancante o malformato (cioè senza @  o con una stringa vuota) il messaggio verrà identificato come spam. L'ID del messaggio è in forma di mariorossi@azienda.com.
La prima parte può essere qualsiasi cosa mentre la seconda è il nome della macchina che ha assegnato l'ID.
Sebbene l'ID del messaggio non è strettamente necessario, si può se questo manca o è mal formattato si può supporre che sia stato fatto deliberatamente per mascherare l'origine del messaggio (SPAM).

Torna al canale Mail Marketing



Questo articolo è stato utile?

Non hai trovato quello che cerchi?

Contatta i nostri esperti, sono a tua disposizione.

Contattaci