Centro Assistenza di Register.it

Come fare mail marketing con un tool di invio di massa

Invio delle newsletter da un tool di mailing

Se utilizzo un tool per inviare le tue mail commerciali (comunemente chiamati mass mailing tool) devi comunque fare attenzione, come per gli invii da client, a non commettere errori che potrebbero compromettere la tua reputazione.

Vediamo quali...

  Evita di non compilare campo To: - I messaggi di posta elettronica che non hanno campo To: vengono quasi sicuramente identificati come spam.
Evita di non compilare il campo From: - ancora una volta il ragionamento alla base degli spammer è quello di nascondere il mittente effettivo del messaggio. Se vuoi fare invii corretti ricorda che il mittente deve essere una mail esistente e configurata correttamente su un domini esistenti: molti ISP fermano invii provenienti dal mittente sui nomi a dominio senza MX o record DNS. Guarda la guida per impostare il record SPF su Register.it
Evita: X-Distribution = bulk: gli spammer utilizzano Pegasus Mail avranno l'X-Distribution = bulk aggiunto alla loro posta elettronica, se si rivolge ad un gran numero di destinatari. Questa intestazione si verifica molto raramente, quindi non sarà in grado di catturare grandi quantità di spam filtrando in questa intestazione. Inoltre, molti bollettini contengono anche questa intestazione.
Evita:   X-UIDL header exists: i messaggi in arrivo non dovrebbero avere un header X-UIDL in quanto sono destinati solo ai server di posta per fermare di download di più messaggi alla volta, per esempio quando si seleziona la voce: 'lasciare i messaggi sul server'. Questa intestazione viene normalmente "strippata" quando si riceve il messaggio. Gli spammer aggiungono un'intestazione X-UIDL per cercare di forzare il server di posta del destinatario a scaricare più copie dello stesso messaggio per aumentare la probabilità che questo venga letto.
Evita: code and space sequence exists: molti messaggi di spam includono un certo codice per l'identificazione nel soggetto del messaggio. Per nascondere il codice da parte del destinatario, un gran numero di spazi (o a capo) sono di solitamente collocati prima del codice. Questo viene fatto per fare in modo che il destinatario non veda il codice (o che questo non venga visualizzato nel client di posta elettronica) prima di aprire il messaggio.  

Torna al canale Mail Marketing



Questo articolo è stato utile?

Non hai trovato quello che cerchi?

Contatta i nostri esperti, sono a tua disposizione.

Contattaci